over 40 … via di running

Simpatico articolo dedicato ai miei coetanei di GIACOMO PORETTI su Stampa.it

Ogni decennio ha le sue abitudini, i propri costumi, le mode culturali, i cibi preferiti, le malattie e i codici di comportamento. 

Così c’è stato un periodo dove gli italiani scoprirono la prima cucina etnica, quella cinese, e così a cavallo tra gli Anni 70 e 80 mangiavano solo involtini primavera, maiale in agrodolce e pollo agli anacardi; poi arrivò il decennio del ristorante messicano, con annessi bruciori di stomaco e gonfiori molesti; per approdare, spero temporaneamente, nell’alchemica, misteriosa e impalpabile «cuisine molecoler». 

Ricordo che anche le malattie, talune, quelle più insidiosamente complicate da diagnosticare, hanno avuto un andamento decennale: il linfatismo negli Anni 60, la labirintite negli Anni 80 e il reflusso esofageo nel nuovo millennio. 

[…]

Mi è sempre piaciuto correre, quando ero giovane. Quando si è giovani, non si ha bisogno di tabelle, di cardiofrequenzimetri e di scarpe giallo limone. Si corre perchè il corpo è sempre di corsa. 

Dopo i 40, invece, il corpo vorrebbe rallentare e invece in questo decennio noi lo svegliamo presto al mattino e via! A farsi 10 chilometri.

C’è anche molta tenerezza in questa immane fatica, c’è uno sguardo affettuoso verso i nostri tendini e c’è molta gratitudine e ammirazione verso il nostro cuore, che ha corso all’impazzata quando ci siamo innamorati, quando ci siamo spaventati ed anche ora che lo facciamo correre in soglia tra i 130 e i 150 battiti per più di 10 chilometri. 

Dicono che. se resisti per un mese a correre tre volte alla settimana, poi improvvisamente il corpo ti regala solo gioia. 

 Scusate. Hanno suonato al citofono e devo raggiungere il mio amico over 40 per la mia prima seduta di ripetute in salita. 

Ho messo delle scarpe viola, porteranno bene?

Articolo completo LINK