Muller Thurgau: storia e delizia di un meticcio geniale

Da ilgiornale.it

Muller Thurgau: storia e delizia di un meticcio geniale

In questa stagione è un’ottima idea ordinare un Muller Thurgau per accompagnare un antipasto di pesce, ma anche un intero pranzo di leggerezza primaverile.

 A molti di noi basta sapere che è un vino bianco vagamente esotico, visto il nome, provenienza trentina o giù di lì, ma soprattutto piacevolmente aromatico, con profumi freschi di note erbacee e noce moscata. Già fin troppo.

A qualcuno però, potrebbe nascere spontanea la domanda: ma che cavolo è ‘sto vino col nome che
sembra di un tizio tedesco? Bene, se volete ascoltarla, è una storia notevole.

In effetti il signor Herman Muller era un enologo svizzero, nato nell’800 nel cantone di Thurgau. Un
giorno decise (vizio comune fra gli enologi) di inventare il vino perfetto. Bianco, bontà sua, visti i luoghi in cui operava. Allora prese due vitigni, che secondo lui contenevano il meglio dell’uva a bacca bianca, il Riesling Renano (come dargli torto?) e il Madaleine Royale (fino a pochi anni fa si pensava fosse il Sylvaner, ma i test del DNA hanno svelato l’errore). In pratica, Herman era convinto che quell’uva tedesca ibridata con quell’uva francese avrebbe fatto il botto.

Impiegò 25 anni, dal primo innesto ai primi veri grappoli “meticci”, per vedere in vita il suo Frankenstein in versione botanica. Poi venne il momento di farci il vino. E qui possiamo immaginarci la soddisfazione di quell’oscuro maniaco turgoviese, nel constatare che l’idea non era solo buona: era strepitosa!

Non a caso, le viti di Muller Thurgau coprono oggi almeno 25.000 ettari di pendii un po’ in tutto il mondo. Da noi, soprattutto in Alto Adige: e qui arriva il risvolto storico che sa di magia. Infatti, recenti ricerche hanno svelato che il genitore francese del nostro eroe paglierino proviene a sua volta da un incrocio tra il Pinot e la Schiava, vitigno autoctono del Sud Tirolo.

Ma che bello quando i cerchi si chiudono così! Che ne dite, beviamoci sopra.

1367505514-bicchiere-fav-grappoli