In arrivo l’auto volante per scappare dal traffico

Quante volte, imbottigliati nel traffico dell’ora di punta, avete sognato di mettere le ali alla vostra auto e filare via a tutta velocità? Bene, fra qualche anno quello che finora vedevate solo nei cartoni animati (o in qualche film di fantascienza) potrebbe diventare realtà grazie al TF-X, sigla dietro alla quale si nasconde l’evoluzione – per ora ancora in fase di concept ma con la speranza di metterlo in produzione nel giro dei prossimi 8-12 anni – del Transition Terrafugia, sorta di piccolo aereo a due posti che, ritraendo le ali, si trasforma in auto (per una velocità di 70 miglia orarie in volo e 115 su strada), atteso sul mercato all’inizio del 2015, ad un prezzo di listino che sfiora i 300mila dollari.

Ma proprio la necessità di una pista di decollo per trasformare il Transition da piccolo aereo in un’automobilina a due posti ha spinto gli ingegneri dell’azienda americana che dal 2006 lavora sui progetti delle “auto volanti” ad ideare il TF-X, ovvero, un modello di più facile utilizzo, che potesse decollare da fermo (anche se servono sempre 30 metri di diametro per spiegare le ali) e in verticale (ha già ricevuto il benestare dal governo Usa per l’uso di pneumatici e vetri speciali più leggeri rispetto a quelli delle auto); piccolo abbastanza da essere parcheggiato in garage (ma in grado comunque di ospitare comodamente 4 persone e dotato di paracadute in caso di atterraggio d’emergenza) e con un’autonomia di oltre 800 km (con motorizzazione ibrida plug-in: due motori elettrici da 600 CV e uno termico da 300 CV, per una velocità di oltre 300km/h). Come nel caso del Transition, anche il TF-X potrà essere guidato solo con il brevetto di pilota e dopo aver fatto almeno 20 ore di volo.

tfx--398x174

credits: corriere.it